La successione nel patrimonio digitale

Alessandro d’Arminio Monforte
con introduzione di Arturo Maniaci

ISBN: 978-88-3379-133-3
Anno: 2020
Formato: 17x24 cm
Pagine: 192 pagine
Collana: Diritto

Volume 22,00 20,90

Descrizione

Per lungo tempo le successioni a causa di morte sono state concepite come un fenomeno circoscritto a beni materiali o, al più, immateriali.

La rivoluzione tecnologica ha, tuttavia, mutato radicalmente la realtà sociale e creato una nuova categoria di cespiti, asset fondamentale del patrimonio ereditario: i beni digitali.

Come possiamo garantire ai nostri eredi il passaggio generazionale di password, fotografie, video e musica digitali, account social, criptovalute, programmi per elaboratore, siti web, blog, e-book, messaggi di posta elettronica, contratti stipulati on-line e, in generale, di nostri documenti informatici (a contenuto patrimoniale o personale)? Che ne sarà della nostra identità (personale, professionale e digitale), in assenza di una pianificazione?

Il volume tratta in modo organico il tema ormai noto come “eredità digitale”, attraverso un’analisi degli elementi che compongono il patrimonio digitale, degli strumenti giuridici attualmente a disposizione per la loro trasmissione e della confezione di un testamento digitale.

Lo scopo è quello di fornire ai professionisti dell’area legale e, in generale, a tutti coloro che intendano pianificare la propria successione digitale un ausilio nella comprensione della natura dei beni facenti parte del patrimonio digitale e dei relativi limiti di disposizione, nonché nell’identificazione dello strumento più adeguato per la loro trasmissione.

Scarica l’indice del Libro (37 KB)

Guarda il video della presentazione su Giustizia Caffè

Alessandro d’Arminio Monforte è avvocato del Foro di Milano e titolare dello studio NetworkLex. Collabora con la cattedra di Istituzioni di diritto privato del Prof. Arturo Maniaci dell’Università degli Studi di Milano quale cultore della materia. È Curatore di Eredità Giacente presso il Tribunale di Milano, nonché Presidente e socio fondatore dell’Associazione Nazionale Curatori di Eredità Giacenti (A.N.C.E.G.), prima associazione ad occuparsi altresì di successione ed eredità digitale. Si è specializzato in diritto delle successioni ed è tra i primi professionisti ad essersi dedicato alla tutela dell’eredità digitale, anche quale mandatario ed esecutore testamentario. Ha inoltre una formazione specifica nel diritto dell’informatica e delle nuove tecnologie (Master IT LAW, CIRSFID – Università Alma Mater Studiorum di Bologna), nonché nel trattamento dei dati personali. È autore dell’opera L’amministrazione dei beni ereditari: chiamato all’eredità, curatore dell’eredità giacente ed esecutore testamentario edita nel 2019 da Pacini Giuridica, nonché degli e-books L’eredità digitale e E-commerce e privacy, quest’ultimo redatto sotto la supervisione del Prof. Michele Iaselli, pubblicati da un noto quotidiano di informazione giuridica.

Potrebbero interessarti anche...