Il sistema delle impugnazioni nel processo penale

Tradizione, riforme legislative e giurisprudenza conformativa

Leonardo Suraci

ISBN: 978-88-3379-179-1
ISSN: 2532-9618
Caratteristiche: 2020 • 17x24 cm • 400 pagine • brossura
Collana: Studi di diritto e procedura penale - Ricerche
Nr. nella collana: 2

Volume 38,00 36,10

Descrizione

La materia delle impugnazioni penali, da sempre al centro di dibattiti ed interessata da (diversamente motivati) propositi riformistici, sta vivendo una fase di particolare turbolenza, determinata sia dai recenti interventi del legislatore i quali hanno richiesto uno sforzo di sedimentazione (ancora non esauritosi) da parte degli interpreti, sia da significative precisazioni – spesso destinate a “lasciare il segno” sul piano della costruzione dogmatica di alcuni rilevanti istituti – della giurisprudenza su tematiche costituenti il crocevia dell’odierno assetto del sistema.

Le scelte concernenti la materia non sono anassiologiche, dal momento che incidono su diritti fondamentali della persona e, dunque, sul modello culturale intorno al quale si edifica la comunità statale e le forme di accertamento tipiche di essa. Non sono, altresì, del tutto rimesse alla sovranità statuale, essendo (in alcuni casi, anche molto significativi) state imposte dagli organi giurisdizionali sovranazionali.

Né, infine, il potere legislativo può incidere sull’assetto complessivo del sistema senza fare i conti con modelli di protezione di valori diversi (e spesso contrastanti) edificati dalla Corte costituzionale.

La materia è oltremodo complessa, dunque, e su di essa aleggia una (talvolta non troppo celata) pulsione deflazionistica i cui portatori non mancano di agganciare al principio della ragionevole durata del processo.

Scarica l’indice del Libro (157 Kb)

Leonardo Suraci ha conseguito il titolo di dottore di ricerca in diritto processuale penale presso l’Università degli Studi “La Sapienza” di Roma ed è ricercatore presso l’Università degli Studi di Firenze. È stato professore di procedura penale presso la Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali delle Facoltà di Giurisprudenza dell’Università “Mediterranea” di Reggio Calabria e “Magna Grecia” di Catanzaro. È autore di saggi e contributi pubblicati in diverse riviste specialistiche, oltre che di monografie sui temi delle investigazioni difensive, giudizio abbreviato, incidente probatorio e atto irripetibile. Ha partecipato a numerose opere collettanee, tra le quali si segnala il “Trattato di procedura penale” diretto dal Prof. G. Spangher, in cui ha scritto le parti relative alle “Nuove contestazioni” ed alla “Discussione finale”. Ha, inoltre, trattato i temi “Dibattimento, connessione e giudice naturale”, “La chiamata de relato quale riscontro probatorio” e “Novità in tema di prova scientifica” nel “Libro dell’Anno del Diritto” (2013). È avvocato abilitato al patrocinio dinanzi alle Magistrature superiori.

Potrebbero interessarti anche...