QCR Quaderni del Circolo Rosselli 4-2020 (anno XL, fascicolo 140)

Loris fortuna - Discorsi parlamentari - Nel cinquantesimo della legge sul divorzio

Michele Mioni (a cura di)

ISBN: 978-88-6995-844-1
ISSN: 1123-9700
Caratteristiche: 2020 • 16x23 cm • 192 pagine • brossura
Collana: QCR

15,0080,00

QCR Quaderni del Circolo Rosselli 4-2020 (anno XL, fascicolo 140) - Loris fortuna - Discorsi parlamentari - Nel cinquantesimo della legge sul divorzio
Abbonamento Italia
50,00
QCR Quaderni del Circolo Rosselli 4-2020 (anno XL, fascicolo 140) - Loris fortuna - Discorsi parlamentari - Nel cinquantesimo della legge sul divorzio
Abbonamento UE
65,00
QCR Quaderni del Circolo Rosselli 4-2020 (anno XL, fascicolo 140) - Loris fortuna - Discorsi parlamentari - Nel cinquantesimo della legge sul divorzio
Abbonamento extra UE
80,00
QCR Quaderni del Circolo Rosselli 4-2020 (anno XL, fascicolo 140) - Loris fortuna - Discorsi parlamentari - Nel cinquantesimo della legge sul divorzio
Fascicolo Italia
15,00
QCR Quaderni del Circolo Rosselli 4-2020 (anno XL, fascicolo 140) - Loris fortuna - Discorsi parlamentari - Nel cinquantesimo della legge sul divorzio
Fascicolo UE
18,00
QCR Quaderni del Circolo Rosselli 4-2020 (anno XL, fascicolo 140) - Loris fortuna - Discorsi parlamentari - Nel cinquantesimo della legge sul divorzio
Fascicolo extra UE
25,00
Svuota

Esaurito - In Ristampa

Descrizione

«È merito di un giovane storico friulano, Michele Mioni, attualmente ricercatore post-doc all’Università di Brema e ricercatore associato a Paris 1 Panthéon-Sorbonne, di avere operato una selezione dei discorsi parlamentari di Loris Fortuna, il “padre” della legge sul divorzio, approvata proprio cinquanta anni fa dal Parlamento il primo dicembre 1970.

Personalità interessante quella di Loris Fortuna, partigiano nel battaglione “Studenti” a Udine, poi militante nel Partito Comunista, da cui esce per il dissenso sull’intervento sovietico in Ungheria (1956) per aderire al Psi, prima nella corrente di sinistra e poi negli autonomisti di Nenni e del giovane Craxi.

Nel 1974 si iscrive anche al Partito Radicale di Marco Pannella, prendendo così una doppia tessera, fino alla sua scomparsa avvenuta il 5 dicembre 1985.

Un socialista laico e libertario, dunque. Loris Fortuna è stato un deputato profondamente radicato nel suo territorio. Egli godeva di un saldo appoggio nell’elettorato socialista nella sua circoscrizione Udine (Pordenone)-Belluno-Gorizia al di là delle vicende di corrente.

Risulta infatti primo degli eletti socialisti alla Camera nel 1963, 1972, 1976, 1979, 1983. L’unica volta in cui arriva secondo è nel 1968, al tempo della lista Psi-Psdi unificati, risultando comunque eletto (dopo il socialdemocratico Guido Ceccherini).

Nell’Italia degli anni Cinquanta il tema del divorzio, presente concretamente nella vita di ogni giorno delle famiglie italiane, era sostanzialmente tenuto fuori dall’agone politico, riservandolo a personalità interessanti ma relativamente marginali come il senatore socialista Luigi Renato Sansone, autore della proposta di legge sul “piccolo divorzio”…»

Valdo Spini – Direttore

 

Scarica l’indice del fascicolo (78 kb)

 

.

Potrebbero interessarti anche...