QCR Quaderni del Circolo Rosselli 2-2024 – anno XLIV – fasc. 154

Firenze, bella e possibile

AA.VV.

18,0080,00

Scegli un'opzione
55,00
80,00
18,00
Svuota
Quantità:

Esaurito - In Ristampa

Informazioni tecniche

ISBN
979-12-5486-378-7
Caratteristiche
2024 • 16x23 cm • 168 pagine • brossura
ISSN
1123-9700
Collana

Descrizione

«Firenze si avvia a rinnovare il Sindaco e l’amministrazione comunale. Molte sono le speranze, non poche le delusioni che talvolta sconfinano in un risentimento che esprime il rimpianto quasi nostalgico per una città di cui ci si sente espropriati.

I “Quaderni del Circolo Rosselli” sono tornati con continuità negli anni a discutere sulle tematiche di Firenze e del suo territorio.

Un filo rosso attraversa i vari fascicoli della rivista che hanno affrontato le problematiche della città.

Questo filo rosso nasce dalla constatazione che Firenze, nel tempo, ha perso circa centomila abitanti, passando dai quasi 500.000 degli anni sessanta agli attuali 363.000.

Un dato che è frutto, certamente, di una tendenza demografica negativa. Ma soprattutto è dovuto allo spostamento della residenza di tanti fiorentini verso i comuni dell’area metropolitana, motivato da un minor costo delle abitazioni, da servizi migliori, da una maggiore vivibilità del contesto sia per i figli in età scolare che per gli anziani.

E ciò dal punto di vista del verde, dell’accessibilità pedonale, da un’atmosfera più comunitaria e quant’altro attiene alla vita quotidiana.

Negli ultimi vent’anni, inoltre, si è aggiunto prepotentemente un altro fattore: la pressione turistica sempre crescente, che modella una “sua città” e tende a circoscrivere in ambiti sempre più ristretti, se non ad espellere, la città dei residenti.

Quello che noi vorremmo è un’inversione di tendenza, che non può che essere il risultato di tante politiche, urbanistiche generali e settoriali.

Qui cercheremo di riassumerle (eroicamente) in alcuni punti, chiari e comprensibili, che riguardano la vita di ogni giorno e la sicurezza, le relazioni fra Firenze e la sua area metropolitana, la cultura, i giovani, le risorse e la coesione sociale…»

Valdo Spini, Direttore

Potrebbero interessarti anche...