I Piani di rientro sanitari

Studio sul modello solidale di regionalismo in Italia

Andrea Patanè

ISBN: 978-88-3379-304-7
Caratteristiche: 2021 • 17x24 cm • 320 pagine • brossura

Volume 32,00 30,40

Descrizione

L’idea di un lavoro monografico sui Piani di rientro, ossia sul «programma operativo di riorganizzazione, di riqualificazione o di potenziamento del Servizio sanitario regionale, di durata non superiore al triennio», prende il via dalla constatazione del loro rilievo quale prisma attraverso cui osservare il modello solidale di regionalismo italiano.

L’istituto dei Piani di rientro, sottoscritto tra il Presidente della Regione interessata e i Ministri dell’Economia e della Salute in forza della legge, è stato introdotto con la l. 30 dicembre 2004 n. 311, come strumento di controllo della spesa, ma al tempo stesso quale garanzia dei Lea (Livelli essenziali di assistenza) e dell’equilibrio finanziario regionale. Dal 2007 sono stati poi sottoscritti gli Accordi con lo Stato, cui è seguita una significativa giurisprudenza costituzionale.

L’analisi dei Piani di rientro consente di addentrarsi in un percorso di ricerca assai fecondo, poiché conduce e obbliga a confrontarsi sia con i profili classici del diritto costituzionale, come il diritto alla salute e il suo carattere di diritto fondamentale, o il principio autonomistico, sia con alcuni aspetti più nuovi e inediti, come il peculiare atteggiarsi del rapporto fra garanzia dell’erogazione di servizi sanitari ed equilibrio della finanza regionale.

 

 

Scarica l’indice del libro (82 kb)

 

 

 

 

Andrea Patanè, dottore di ricerca in Diritto costituzionale nell’Università del Piemonte Orientale, attualmente è assegnista di ricerca in Diritto amministrativo nell’Università Cattolica del Sacro Cuore e professore a contratto in Diritto dei migranti nell’Università degli Studi di Bergamo. È membro della Società italiana di Diritto sanitario. I suoi studi riguardano principalmente l’organizzazione sanitaria, la tutela giurisdizionale delle decisioni giustiziali assunte dalle Autorità indipendenti, la partecipazione e la rappresentanza democratica. È iscritto all’ordine degli avvocati, svolge attività di consulenza stragiudiziale e attività di patrocinio nei giudizi davanti ai tribunali amministrativi.

 

.