La misura del disordine

Miraggi e disincanti nella poesia barocca europea

Carmen Gallo (a cura di)
Testi di: Carlo Maria Bajetta, Andrea Battistini, Rodrigo Cacho Casal, Carmen Gallo, Andrea Lazzarini, José Maria Micó, Benedetta Papasogli, Marco Presotto, Laura Rescia, Adrian Streete

ISBN: 978-88-6995-808-3
Caratteristiche: 2020 • 15,5x23 cm • 264 pagine • brossura con bandelle

9,9020,90

La misura del disordinei libri - Miraggi e disincanti nella poesia barocca europea
Volume
22,00 20,90
La misura del disordinei libri - Miraggi e disincanti nella poesia barocca europea
Ebook.epub
9,90
Svuota

Esaurito - In Ristampa

Descrizione

«Sebbene molti e importanti studi siano stati dedicati alla rivalutazione del Barocco come stagione letteraria, e ancora di recente sedi prestigiose abbiano rilanciato il termine come categoria straordinariamente onnicomprensiva, è facile riscontrare come nell’uso comune, fuori dagli ambiti accademici, il termine continui a essere usato in senso per lo più dispregiativo anche in un’età come quella contemporanea che certo ha fatto i conti, a volte persino in modo liquidatorio, con gli imperativi classicisti.

“Barocco” continua a rimandare a un uso del linguaggio inutilmente complesso, ridondante, la cui forma stride con la pochezza del suo significato o eccede in figure retoriche, addensando significati in modo caotico, e superando un limite di decoro non più classicista ma borghese.

È forse per questo motivo che la giustificazione preliminare sembra essere ormai un topos di ogni scritto sul barocco, cui nemmeno questa introduzione può sottrarsi.

A distanza di alcuni secoli, si può ben dire che l’eco dello scandalo barocco – la sfida che lanciò nei confronti dell’armonia rinascimentale o forse la reazione alla sua irrigidita convenzionalità – non è dunque svanita. Il «Barocco» continua a portare inscritta in sé la colpa dell’infrazione di una norma o di una implicita misura o simmetria, quasi si fosse dimenticato come quella sfida fosse la risposta particolare elaborata dinanzi a quel profondo cambiamento di paradigma religioso e scientifico, intervenuto tra Cinque e Seicento, da cui è scaturita la nostra modernità.

Un passaggio complesso, segnato da antinomie e convergenze, in cui, come ha sottolineato Francesco Orlando, le propaggini dell’estenuazione barocca toccano i prodromi dell’illuminismo, come suggestivamente suggerisce il fatto che Bacone e Góngora nascano nello stesso anno, e così Galilei e Shakespeare, mentre poco distanti sono i natali di Descartes e di Calderón.

Tutte figure di scienziati, filosofi e poeti che in modo diverso contribuiscono alla doppia spinta che anima e tiene sotto scacco il periodo: un moto centrifugo ed euforico di curiosità ed entusiasmo per il mondo nuovo che si stava configurando, e un moto centripeto e disforico che rimugina sull’ordine perduto, elabora il lutto della sua evanescenza e ne sfigura ulteriormente la rappresentazione, anatomizzando l’intero un tempo garantito dal divino e creando figure contorte, frammentate, solo apparentemente caotiche, regolate da leggi la cui codifica non è semplice né immediata…»

Carmen Gallo

 

L’OPERA È DISPONIBILE ANCHE IN VERSIONE EBOOK

Scarica l’intera Introduzione di Carmen Gallo (94 kb)

Scarica l’indice del libro (70 kb)

 

.

Potrebbero interessarti anche...