Diritto di internet 1 – Intelligenza artificiale, tutela della persona e dell’oblio

Elena Bassoli (a cura di )

ISBN: 978-88-3379-299-6
Caratteristiche: 2021 • 17x24 cm • 192 pagine • brossura
Collana: Diritto di internet
Nr. nella collana: 1

Volume 23,00 21,85

Descrizione

Il volume, primo di una serie di tre, affronta con la giurisprudenza più recente le questioni di diritto dell’informatica che ruotano attorno ai diritti della persona in Rete, analizzando i problemi legati alla cd. “giustizia predittiva” e alle sue conseguenze nella sfera giuridica dell’essere umano che sia oggetto di processi decisionali automatizzati, passando poi al concetto d’identità digitale e alle sue violazioni, come i nuovi fenomeni del sextortion, revenge porn, deep nude, cyberbullismo.

Il concetto di identità e di immagine in Rete viene rivisto anche sotto il profilo delle sempre più frequenti condotte illecite riguardanti la lesione della creatività e originalità di opere diffuse in Internet con un concreto vulnus ai diritti morali e patrimoniali d’autore.

L’opera prosegue, mantenendo il fil rouge dei diritti della persona in Internet, con la attuale disciplina della tutela dei dati personali, profondamente innovata dal nuovo GDPR e dal d. lgs. 101/2018 di adeguamento della normativa nazionale, e con un’approfondita analisi del nuovo diritto all’oblio, sempre in bilico tra privacy e libertà di espressione.

 

Scarica l’indice del libro (36 kb)

 

Leggi la recensione su «Nove da Firenze»

 

Elena Bassòli, Avvocato di Genova, Docente di Diritto della comunicazione elettronica e del Master in Cyber Security and Data Protection, presso l’Università degli Studi di Genova; già docente di Diritto dell’Informatica presso la Facoltà di Giurisprudenza di Genova, del Piemonte Orientale e della Statale di Milano, si occupa di diritto e nuove tecnologie dal 1995 ed è autore di oltre 250 pubblicazioni in materia. Membro del Comitato di Redazione della rivista «Sicurezza e Giustizia», è formatore per il Ministero dell’Interno e quello di Giustizia, Presidente ANGIF. Coautore del software Verslex in uso al Senato per l’aiuto alla redazione dei testi normativi. È dottore di ricerca in Metodi e tecniche della formazione e valutazione delle leggi. Coordinatore della Commissione “Privacy” e Consigliere presso CTI-Liguria. Da oltre 25 anni si si occupa di consulenza privacy a imprese ed enti pubblici.