d’Annunzio e il mito di Fiume

Riti, simboli, narrazioni

Federico Carlo Simonelli

ISBN: 978-88-6995-861-8
Caratteristiche: 2021 • 15X21 CM • 328 pagine • 28 immagini • brossura con bandelle

Volume 21,00 19,95

Descrizione

Il 12 settembre 1919 una spedizione di volontari italiani guidata da Gabriele d’Annunzio occupò la città adriatica di Fiume, contesa tra Italia e Jugoslavia.

L’impresa fiumana fu una delle molte crisi di confine che attraversarono l’Europa dopo la Grande guerra e rappresentò uno snodo significativo per la politica italiana.

Durante quell’esperienza fu elaborato un linguaggio patriottico fondato su nuove liturgie collettive e sull’idea di una “rivoluzione nazionale” contro le istituzioni parlamentari.

In pochi mesi nacque una mitologia che fu assorbita dal fascismo e le cui origini sollevano interrogativi a distanza di un secolo.

Perché oggi Fiume dannunziana è ricordata come la culla della politica totalitaria ma anche come una “città di vita” in cui tutto era permesso? Quale ruolo vi avevano i culti della guerra, del passato, della natura e della giovinezza? Come nacquero riti come il discorso del duce e il saluto romano?

Partendo da un’innovativa indagine su fonti e retroscena, il libro di Federico Carlo Simonelli ricostruisce i simboli e le rappresentazioni che permisero a d’Annunzio di trasformare una città dalle molte anime in un mito che ha influenzato a lungo il modo di intendere la politica e la storia dell’Alto Adriatico.

 

Scarica l’indice del libro (45 kb)

 

Federico Carlo Simonelli ha conseguito il dottorato di ricerca in Storia dei partiti e dei movimenti politici presso l’Università di Urbino. È consulente storico della Fondazione Il Vittoriale degli Italiani e cultore in Storia dei nazionalismi e delle identità presso la Sapienza Università di Roma.

LEGGI LA RECENSIONE SUL “PICCOLO”.

Potrebbero interessarti anche...