La caparra e la clausola penale tra autonomia e potere correttivo del giudice

Matilde Ratti

ISBN: 978-88-3379-183-8
Caratteristiche: 2020 • 17x24 cm • 264 pagine • brossura
Collana: Argomenti del Diritto Civile
Nr. nella collana: 4

Volume 26,00 24,70

Descrizione

Il volume approfondisce il tema della caparra e della clausola penale alla luce dei più recenti orientamenti dottrinali e giurisprudenziali, indagando gli aspetti di negoziabilità e di riducibilità delle convenzioni.

Lo studio di questi strumenti pattizi si intreccia, necessariamente, con il tema del risarcimento del danno e della responsabilità civile contrattuale, con le tendenze normative rilevabili in altri ordinamenti e con le pratiche interpretative della giurisprudenza.

Tali profili sono esaminati allo scopo di presentare un loro inquadramento sistematico e di individuare possibili soluzioni interpretative, affrontando le questioni aperte connesse all’utilizzo della caparra (confirmatoria e penitenziale) e della clausola penale, sia come strumenti convenzionali di predeterminazione del danno, sia quali clausole tipiche atte ad incidere sul rapporto dialettico tra l’autonomia privata e il potere correttivo del giudice.

Scarica l’indice del Libro (59 Kb)

Matilde Ratti, è ricercatrice di diritto privato dell’Università di Bologna e titolare dell’insegnamento di Diritto di Internet nel corso di laurea in Informatica per il Management nella medesima Università. È titolare di insegnamenti presso Master di carattere nazionale ed internazionale, è Avvocato nel foro di Bologna, fa parte del comitato editoriale di riviste scientifiche, ha collaborato con l’Uncitral (United Nations Commission on International Trade Law) ed ha pubblicato numerosi contributi in materia civilistica.

Potrebbero interessarti anche...