Autonomia della volontà e contratto giusto – 2 tomi

Studio di diritto francese

Alba Negri

ISBN: 978-88-3379-448-8
Caratteristiche: 2021 • 17x24 cm • Tomo I 648 pagine; Tomo II 720 pagine • brossura
Collana: Diritto

Volume 120,00 114,00

Descrizione

Nella disciplina posta dal Code Napoléon in materia di obbligazioni e contratti concorrono due princìpi, dichiarati dai Redattori come finalità da raggiungere: la libertà e la giustizia.

Dopo un inquadramento storico relativo al sorgere dell’esigenza morale e giuridica di un certo equilibrio fra le prestazioni, tratta dall’analisi delle soluzioni prospettate lungo i secoli in relazione ad alcuni problemi particolari, lo studio tende a verificare, attraverso l’analisi della giurisprudenza, della dottrina e della legislazione successiva al Code, se e con quali mezzi questi caposaldi abbiano ricevuto attuazione nel sistema francese.

Particolare attenzione è rivolta alle motivazioni delle sentenze: la giurisprudenza costituisce, infatti, il principale fattore che, nell’àmbito del sistema, in vari settori specifici riesce talvolta, oltrepassando i limiti normativi e interpretando in modo innovativo i mezzi offerti dall’ordinamento, a riequilibrare le prestazioni reciproche decise dalle parti e ad evitare le più rilevanti violazioni della giustizia commutativa perpetrate in nome della libertà contrattuale.

 

Scarica l’indice del libro (255 Kb)

 

Alba Negri, Professore ordinario di Diritto privato comparato dal 1986, insegna nelle Università di Teramo, e di Pavia. Nel corso degli anni tiene corsi regolari e conferenze alle Università di Caen, di Mar del Plata, di Belgrano e di Toulouse- Capitole. Oltre a vari saggi, pubblicati in Italia e all’estero, promuove e cura l’edizione del manuale Sistemi giuridici nel mondo, Torino, 2010 e 2016. Monografie: Il recupero dell’atto nullo mediante esecuzione, Napoli, 1981; Il giurista dell’area romanista di fronte all’etnologia giuridica, Milano, 1983; L’espressione unilaterale dell’impegno, ossia le consentement de la partie qui s’oblige, Padova, 1998. Le è stata conferita la “Laurea honoris causa” in Giurisprudenza dall’Universié de Caen, Basse-Normandie.

 

 

.

Potrebbero interessarti anche...