CERCA NELLO SHOP...

Storia (area)

Tesori in guerra - L’arte di Pistoia tra salvezza e distruzione

Tesori in guerra

L’arte di Pistoia tra salvezza e distruzione

Alessia Cecconi, Matteo Grasso

ISBN: 978-88-6995-284-5
Caratteristiche: 2017 • 17x21 cm • 136 pagine • 50 immagini • brossura con bandelle
Collana: Storia
Volume   € 15,00 € 12,75
Quantità:
Vai alla cassa

Descrizione

È una storia sorprendente e mai scritta quella che viene svelata da Tesori in guerra, l’arte di Pistoia tra salvezza e distruzione. I capolavori d’arte di Pistoia, minacciati dalle bombe alleate e dalle requisizioni tedesche, furono protagonisti di una vera e propria fuga per la salvezza, intrecciando le loro vicende a quelle delle opere fiorentine.

Grazie a una lunga ricerca in archivi pubblici e privati, gli Autori hanno ricostruito per la prima volta la storia di come furono messi in salvo i capolavori del Duomo, il pulpito di Giovanni Pisano di Sant’Andrea, le preziose tavole del Museo Civico fino ai tesori di San Giovanni Fuorcivitas, primo tra tutti la Visitazione di Luca della Robbia.

Ci troviamo coinvolti da un racconto intenso che parla di speranza ma anche di terribili distruzioni. Alla corsa contro il tempo per salvare le opere simbolo della città si affianca la narrazione delle pesanti devastazioni che colpirono il patrimonio monumentale di Pistoia: mettendo a confronto le lettere dei protagonisti, la stampa locale e i report dei monuments men alleati, per la prima volta diventa chiaro il quadro completo e sistematico di tutte le distruzioni nel centro storico cittadino.

La ricerca degli Autori ha portato alla luce anche un patrimonio fotografico quasi completamente inedito. Gli eccezionali scatti dell’epoca accompagnano il racconto delle protezioni costruite a difesa di chiese e palazzi, delle distruzioni dei bombardamenti alleati, di dipinti e sculture rifugiati nelle ville di campagna, a Poggio a Caiano e a Pian di Collina a Santomato, fino alla vicenda delle robbiane requisite e trasportate in Alto Adige dall’esercito tedesco in ritirata.

 

Scarica l’indice del libro (29 kb)

 

Alessia Cecconi (Prato, 1981), storica dell’arte, è direttrice della Fondazione CDSE (Centro di Documentazione Storico Etnografica, Vaiano, Prato); collabora inoltre da molti anni con la Fondazione Memofonte di Firenze. Le sue ricerche e pubblicazioni sono dedicate alla letteratura artistica di età moderna, alla storia locale novecentesca, all’educazione al patrimonio. È inoltre co-autrice del manuale di storia dell’arte per la scuola media inferiore Arte e Immagine (Gruppo RCS-Fabbri editore, 2014). Coordinatrice del progetto regionale “Resistere per l’arte: guerra e patrimonio artistico in Toscana”, ha curato tra il 2014 e il 2015 le mostre “Bombing Art 1940-1945” (Vaiano, Villa del Mulinaccio e Prato, Palazzo Banci Buonamici) e “Giorgio Castelfranco. Un monument man poco conosciuto” (Firenze, Museo Casa Siviero). Nel 2015 ha pubblicato il volume Resistere per l’arte. Guerra e patrimonio artistico in Toscana. Dieci storie di uomini e di opere salvate (Edizioni Medicea), dal quale è stato tratto uno spettacolo teatrale.
Matteo Grasso (Pescia, 1990), storico, è direttore dell’Istituto storico della Resistenza e dell’età contemporanea di Pistoia. Ha organizzato varie mostre, fra cui: “In Viaggio, la deportazione nei lager” (Pistoia, 2017); “Cupe Vampe, la guerra aerea a Pistoia e la memoria dei bombardamenti” (Pistoia, 2013). Lavora da molti anni presso l’”Associazione Culturale Orizzonti” di Lamporecchio, curando l’omonima rivista mensile e le iniziative culturali. Le sue ricerche, orientate nello studio della seconda guerra mondiale, sono concretizzate in svariate pubblicazioni, fra cui: Giovanni Fattori, lettere di un montalese dal lager nazista (ISRPT, 2017), Sulle tracce della memoria. Percorsi pistoiesi nei luoghi della guerra (ISRPT, 2015), Guerra e Resistenza. Vicende partigiane per uno della Bozzi, la storia personale di Doriano Monfardini (ISRPT 2014).
.

Potrebbero interessarti anche...

Aree di interesse
Privacy