CERCA NELLO SHOP...

GIURIDICA

Riserva di scienza e tutela della salute

Riserva di scienza e tutela della salute

L’incidenza delle valutazioni tecnico-scientifiche di ambito sanitario sulle attività legislativa e giurisdizionale

Davide Servetti

ISBN: 978-88-3379-102-9
Caratteristiche: 2019 • 17x24 cm • 280 pagine • brossura
Volume   € 28,00 € 23,80
Quantità:
Vai alla cassa

Descrizione

Quando il legislatore o il giudice siano chiamati a esercitare le proprie funzioni alla luce di cognizioni e valutazioni tecnico-scientifiche, essi sono tenuti ad attingerle presso fonti qualificate, tanto sotto il profilo della competenza quanto sotto quello della affidabilità, e non possono contare meramente sull’esercizio delle rispettive forme di discrezionalità.

Può così intendersi, in prima approssimazione, il nucleo essenziale di un principio di riserva di scienza, fondato su di una pluralità di norme costituzionali, per come esso emerge da una articolata giurisprudenza della Corte costituzionale avente ad oggetto la tutela della salute.

Dallo studio di questa giurisprudenza, che disegna nel suo insieme un modello costituzionalmente orientato di rapporti tra scienza, diritto e politica, nonché tra legislazione, amministrazione e giurisdizione in ambiti scientificamente caratterizzati, muove l’indagine presentata in questo volume, la quale si propone di esaminare analiticamente i principi costitutivi di un simile modello e di discutere alcuni dei problemi sottesi alle vicende giunte all’attenzione del giudice costituzionale: dalla complessa condizione (di soggezione, ma anche di dominio) della legge di fronte all’esigenza di produrre norme science-related, fino ai criteri che guidano le diverse giurisdizioni alla soluzione di questioni scientifiche controverse, passando per il ruolo degli organi tecnico-scientifici dell’amministrazione quali soggetti principalmente (pur se non esclusivamente) responsabili dei processi di validazione della conoscenza a fini pubblici.

La ricerca, che si avvale anche di uno studio in profondità di due casi di “pseudomedicina” (Di Bella e Stamina) emblematici dei cortocircuiti in cui possono incorrere legislazione e giurisdizione in presenza di forti istanze individuali di accesso a innovazioni scientifiche (o presunte tali), propone di leggere entro coordinate unitarie i predetti problemi e di adottare il principio della riserva di scienza quale risorsa ermeneutica in grado di individuare soluzioni soddisfacenti da un punto di vista sistemico, capaci in ultima analisi di bilanciare la tensione ad una tutela piena ed effettiva dei diritti con quella alla certezza dell’ordinamento giuridico.


Scarica l’indice del libro (49 Kb)

 

Davide Servetti è dottore di ricerca in Diritto costituzionale nell’Università del Piemonte Orientale, presso la quale è segretario del Centro d’eccellenza interdipartimentale per il management sanitario (CEIMS). I suoi studi riguardano principalmente il diritto alla salute e l’organizzazione sanitaria, i rapporti tra diritto e scienza, la partecipazione politica e i processi di innovazione dei sistemi democratici, l’autonomia regionale e locale, con particolare riguardo alla cooperazione tra organi e livelli di governo. È segretario scientifico della Società italiana di Diritto sanitario


.

Potrebbero interessarti anche...

Aree di interesse
Privacy