CERCA NELLO SHOP...

Senza categoria

La politica estera italiana fra le due guerre: 1918-1940 - volume I - Dalla fine della Grande guerra ai trattati di Locarno (1918-1925)

La politica estera italiana fra le due guerre: 1918-1940 – volume I

Dalla fine della Grande guerra ai trattati di Locarno (1918-1925)

Renzo Menoni

ISBN: 978-88-3379-106-7
Caratteristiche: 2019 • 15x21 cm • 768 pagine • brossura con bandelle
Collana: Storia
Volume   € 34,00
Quantità:
Vai alla cassa

Descrizione

Il presente volume (primo di un’opera più vasta che abbraccerà la politica estera italiana fra le due guerre) è dedicato al periodo ricompreso fra gli armistizi e i trattati di pace di Parigi, che hanno posto fine alla “grande guerra”, e gli accordi di Locarno dell’ottobre-dicembre 1925, che segnarono la conclusione del primo dopoguerra, con la riammissione della Germania di Weimar nel “concerto”delle grandi potenze. Questo periodo ricomprende la politica estera dei cinque governi liberali del dopoguerra (Orlando, Nitti, Giolitti, Bonomi e Facta) e, dal 31 ottobre 1922, l’esordio del governo Mussolini, con tutte le connesse e complesse problematiche di continuità/discontinuità della politica estera di quest’ultimo governo rispetto a quella dei precedenti.

La conferenza della pace consacrò l’Italia fra le “grandi potenze” vincitrici del conflitto (unitamente alle alleate Inghilterra e Francia e all’associato Stati Uniti) e, con i trattati di Locarno, tale ruolo venne ancor più esaltato, in quanto Roma fu chiamata, unitamente all’Impero inglese (e cioè a quello che allora era considerato la massima potenza mondiale, in conseguenza della politica isolazionista assunta da Washington) a garantire il patto franco-tedesco per i confini renani.

Il volume indaga – fra l’altro – se, in questi sette anni del primo dopoguerra, al riconosciuto rango ufficiale abbia corrisposto anche un ruolo effettivo di “grande potenza” dell’Italia nelle relazioni internazionali. L’ambizione dell’autore sarebbe quella che ciascun lettore fosse in grado di meglio comprendere gli avvenimenti di quel periodo, storicizzandoli e sottraendoli quindi (a distanza di ormai un secolo) alla persistente tentazione di un uso politico della storia.

 

Scarica l’indice del libro (70 kb)

Renzo Menoni esercita da oltre quarant’anni la professione di avvocato libero professionista, nel settore civile e amministrativo, avanti ai giudici di merito e alle giurisdizioni superiori. Ha ricoperto incarichi istituzionali come consigliere del proprio Ordine e componente del Consiglio giudiziario integrato. In campo associativo è stato eletto ai vertici dell’Avvocatura civilistica, ricoprendo per sei anni l’incarico di presidente nazionale delle Camere Civili e poi di presidente della Corte Nazionale Arbitrale. È stato nominato dal Ministro della Giustizia Orlando componente della Commissione per la riforma del codice di procedura civile. Ha partecipato a innumerevoli congressi e convegni, ove ha svolto relazioni ed interventi ed ha curato la pubblicazione di numerosi volumi, alcuni anche con l’editore Pacini. Da sempre interessato ai problemi della storia contemporanea ed in particolare alle relazioni internazionali, dopo anni di approfondite letture e ricerche, ha deciso di dedicare la propria attenzione alla politica estera italiana nel periodo ricompreso fra le due guerre mondiali.

 

 

.

Potrebbero interessarti anche...

Aree di interesse
Privacy