CERCA NELLO SHOP...

GIURIDICA

Omissione di atti d’ufficio nel settore sanitario

Omissione di atti d’ufficio nel settore sanitario

Attraverso l’analisi di casi pratici affrontati dalla Suprema Corte di Cassazione

Anna Ferrari

ISBN: 978-88-3379-039-8
Caratteristiche: 2018 • 17x24 cm • 160 pagine • brossura
Collana: Studi di diritto e procedura penale
Nr. nella collana: 6
Volume   € 16,00 € 13,60
Quantità:
Vai alla cassa

Descrizione

Il delitto di omissione e rifiuto di atti d’ufficio, enunciato dall’art. 328 c.p., viene novellato con la L. 26 aprile 1990, n. 86 recante «Modifiche in tema di delitti dei pubblici ufficiali contro la pubblica amministrazione» che ne offre la vigente formulazione normativa: l’opera è l’occasione per fare il punto sulle due distinte fattispecie delittuose delineate dalla norma a quasi trent’anni dalla riforma.

In questa cornice, il testo offre un rigoroso inquadramento della casistica giurisprudenziale di legittimità nel settore sanitario, ambito nel quale la nutrita pratica ha fatto emergere, tra l’altro, questioni interpretative sui limiti fra responsabilità penale e disciplinare.

L’esegesi delle pronunce della Suprema Corte di Cassazione è condotta in ragione del soggetto agente: fra questi, la guardia medica, il farmacista, il medico reperibile, l’obiettore di coscienza.


Scarica l’indice del libro (146 Kb)

Anna Ferrari, nata a Mantova, alunna del Collegio Ghislieri, laurea in giurisprudenza cum laude all’Università degli Studi di Pavia, entra giovanissima in magistratura. Dottore di ricerca in diritto penale, pubblico ministero, giudice penale, di sorveglianza e del tribunale dei ministri a Milano, si occupa di contraffazione sanitaria, criminalità finanziaria, reati contro la PA. Consegue il Diplôme d’études en langue française, utilizzatore indipendente, del Ministero francese dell’educazione. Attualmente è componente eletto al Consiglio di Cooperazione Penalogica del Consiglio d’Europa di Strasburgo.




.

Potrebbero interessarti anche...

Aree di interesse
Privacy