CERCA NELLO SHOP...

GIURIDICA

La particolare tenuità del fatto

La particolare tenuità del fatto

Antonella Marandola

ISBN: 978-88-6995-297-5
Caratteristiche: 2017 • 21x28 cm • 88 pagine • punto metallico
Collana: Quid Iuris
Nr. nella collana: 1
Volume   € 14,00 € 11,90
Quantità:
Vai alla cassa

Descrizione

Il libro intende approfondire, in estrema sintesi, alcune delle questioni e dei casi in cui ha trovato applicazione il nuovo meccanismo della non punibilità per particolare tenuità del fatto introdotto nel nostro ordinamento con il d.lgs. n. 28 del 2015. Il volume prende in esame l’applicazione pratica dell’innovativo meccanismo tanto sul versante sostanziale quanto sul piano processuale, onde verificare se la nuova causa di non punibilità concorre, effettivamente, a delimitare l’area dei fatti penalmente rilevanti secondo i principi del diritto penale minimo, nel rispetto del quale il legislatore ricorre al diritto penale solo quando non sussiste altra norma, diversa dalla pena, in grado di assicurare un’efficace tutela al bene giuridico protetto.

Il testo, esaminando alcune delle sue applicazioni pratiche, intende fornire delle minime linee guida per l’operatore, considerato che l’istituto mira ad evitare l’applicazione delle sanzioni penali quando il fatto-reato è di lieve entità tale che qualsiasi sanzione penale possa apparire come sproporzionata e l’agente possa avvertirla come ingiusta, contravvenendo alle esigenze di rieducazione della pena (art. 27, comma 3 Cost.).

Secondo le finalità della collana, che esordisce con quest’opera, il tema viene analizzato, dopo un breve inquadramento sistematico, attraverso l’esame dei profili controversi e problematici della disciplina e l’esposizione dei casi pratici evidenziati dalla giurisprudenza in materia.

 

Scarica l’indice del libro (45 kb)

 

Antonella Marandola è professore ordinario di Diritto processuale penale nella Libera Università del Mediterraneo Jean Monnet di Casamassima. È autrice di numerosi articoli, note a sentenza, voci enciclopediche. Tra i suoi lavori maggiori, oltre alle opere collettanee fra cui, da ultimo, Manuale di diritto processuale penale (Padova, 2017), si distinguono I registri del pubblico ministero (Padova, 2001); L’interrogatorio di garanzia (Padova, 2006); I motivi di impugnazione. I. Disposizioni generali e giudizio d’appello (Padova, 2008). È componente del comitato scientifico della rivista Diritto penale e processo e della rivista «Parola alla difesa», nonché componente del comitato di redazione della rivista «Studium Iuris».
.

Potrebbero interessarti anche...

Aree di interesse
Privacy