CERCA NELLO SHOP...

Arte & Immagine

Acta Apuana XIII-XV (2014-2016) Nelle terre del marmo - Scultori e lapicidi da Nicola Pisano a Michelangelo

Nelle terre del marmo – Acta Apuana XIII-XV (2014-2016)

Scultori e lapicidi da Nicola Pisano a Michelangelo

Aldo Galli, Antonio Bartelletti (a cura di)

ISBN: 978-88-6995-393-4
Caratteristiche: 2018 • 21x29,7 cm • 264 pagine • oltre 200 immagini • brossura con sovraccoperta
Collana: Arte
Volume   € 24,00 € 20,40
Quantità:
Vai alla cassa

Descrizione

«È questo un volume che colloca Carrara e Pietrasanta (e con loro le Apuane) in una cornice non solo locale, ma italiana ed europea, per meglio comprendere la straordinaria fortuna della scultura in marmo apuano tra la metà del Duecento e gli inizi del Cinquecento: da Nicola Pisano a Michelangelo. Una lunga parabola o, forse meglio, un’iperbole di intense relazioni artistiche e commerciali, che vide protagonisti lapicidi e scultori di varia provenienza, la cui arte fece del marmo apuano il materiale più prestigioso e ricercato per statue, monumenti, altari o sepolcri, da Venezia a Napoli, dalla Spagna alla Francia.

Il titolo del volume, Nelle Terre del Marmo indica, in prima istanza, una nuova possibile denominazione connotativa per un’area demo-territoriale non ancora del tutto consapevole di una propria identità. Si riferisce immediatamente a un territorio di diverse culture e tradizioni, che ha però condiviso una comune storia di eventi nel corso del periodo qui considerato, quando è stata campo di conquista e pure di divisione e scontro tra Genova, Pisa, Lucca e Firenze.

Le Terre del Marmo potrebbero risultare assai più numerose nell’Italia del basso Medioevo e del Rinascimento. Questo titolo sarebbe forse rivendicabile da altri luoghi che hanno iniziato presto ad integrare e sostituire le pietre mancanti con le proprie, dopo lo spoglio, ormai completato, dai monumenti della Roma imperiale. Si tratta di borghi e vallate in cui sono nati, quasi per determinismo geografico, artefici per necessità, che hanno risalito lentamente la china delle competenze tecniche e delle abilità artistiche, divenendo prima picchiapietre o scalpellini, poi lapicidi ed infine scultori. Sono quei luoghi in cui talvolta arrivavano, da altre Terre o da città vicine ed affamate di pietre ornamentali, schiere di altri lapicidi e scultori, alla continua ricerca di materiali utili all’architettura e/o alle produzioni plastiche…»

Alberto Putamorsi, presidente del Parco Regionale delle Alpi Apuane

 

Scarica l’indice del libro (90 kb)

 

 

.

Potrebbero interessarti anche...

Aree di interesse
Privacy